Il primo ricordo su un vassoio d'argento. 8 domande a Giovannella Condò

27/11/2017
By Ludovica Amat
Il primo ricordo su un vassoio d'argento. 8 domande a Giovannella Condò

Che cosa associa alla parola PANINO?
Prosciutto crudo italiano, che amo moltissimo.

Il suo primo ricordo legato a un PANINO?
I toast caldi con la marmellata, che la mia adorata nonna preparava con un tostapane che estraeva dalla sua toletta, poi serviti su un vassoio di argento che utilizzo ogni giorno.

L’ultimo che ha mangiato?
Questa mattina, un paninetto di pane al latte con la breasola valtellinese.

Un PANINO che non mangerebbe mai?
Un panino con wurstel e crauti.

Il PANINO ITALIANO ha una sua identità, diversa da tutti gli altri modi di intendere un panino? Se sì perché?
Per l’eleganza degli ingredienti, mai troppi e mai pasticciati.

Come immagina una ricetta di PANINO che possa diventare icona o ambasciatore del made in Italy?
Sono un disastro per gli ingredienti! Ma vorrei un panino elegante nel gusto e nei colori.

Il PANINO tra 20 anni sarà cambiato? Come?
No, sarà immutato!

Se lei fosse un PANINO…
Sarei uno sfilatino al prosciutto crudo…