Un noto chef ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona

23/07/2019
By Alessio D'aguanno
Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona

A Tuttofood abbiamo assistito alla presentazione dell’ultimo progetto del Consorzio della Finocchiona, in collaborazione con lo Chef Shady Hasbun de La Prova del Cuoco.

 

Nel periodo del Medioevo, in Toscana nacque un prodotto distintivo della tradizione salumiera regionale e italiana. Il pepe, molto raro e costoso all’epoca, veniva sostituito dai semi di finocchio per mascherare eventuali difetti della carne di maiale e del vino che si vendeva in accompagnamento. Era nata la Finocchiona, uno dei salumi più riconoscibili di tutto lo stivale.

Oggi, nella lavorazione rientra anche il pepe, in aggiunta ad aglio, sale e semi e/o fiori di finocchio per la speziatura, ed eventuale vino rosso in misura non superiore a 1 litro ogni 100 kg di impasto da insaccare. I tempi sono cambiati ma non è cambiato il prodotto; ogni produttore ha la sua ricetta segreta tramandata da generazioni, che rispetta il disciplinare e che esprime la propria artigianalità.

Il Consorzio, nato nel 2015 per valorizzare, promuovere e tutelare il salume, riunisce oggi 44 produttori che esportano il prodotto - riconosciuto IGP dal 2015 - in 28 stati.

A maggio, dopo i progetti Finocchiona Chef e Ricette in un quarto d’Ora in collaborazione con gli chef dell’Unione Regionale Cuochi Toscani e dell’Associazione Cuochi Fiorentini, a Tuttofood il Consorzio ha presentato l’ultimo progetto. Si tratta di Panini d’Italia, un’idea nata per valorizzare la versatilità del prodotto in un’icona italiana, il panino, e in un contesto italiano, che preveda la compartecipazione di altri selezionati consorzi. La collaborazione, con Chef Shady Hasbun de La Prova del Cuoco, ha portato alla realizzazione di nove panini regionali, con tanto di ricette online, caratterizzati dalla presenza di almeno due ingredienti DOP o IGP locali.

Si va dal Panino Lombardia con michetta, cannoli di finocchiona ripieni di gorgonzola DOP dolce, purea di pere di Mantova IGP salata e noci alla Piadina Emilia-Romagna con straccetti di finocchiona, crema di Grana Padano DOP, verdura di stagione e aceto balsamico di Modena IGP, fino al Panino Toscana, con pane toscano DOP, finocchiona, fette di pecorino toscano DOP, funghi di Borgotaro IGP trifolati e olio toscano IGP.

Un’iniziativa insolita nello sterminato mondo di collaborazioni tra Consorzi e Chef. Un’idea nata per promuovere sé stessi e gli altri.

Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona
Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona Un noto chef ha realizzato ha realizzato nove panini regionali con la Finocchiona

precedente
22/07/2019

La sagra del panino della nonna

By Eleonora Tiso
successivo
02/08/2019

Rosso d’estate? Sì, ma fresco!

By Daniela Guaiti