PaninoLab, un vero laboratorio del gusto

01/02/2018
By Sandra Tasca
PaninoLab, un vero laboratorio del gusto

Non un semplice locale, non una paninoteca, non un bar.

Nella vetrina della storica Ferramenta Viganò, in quel clima tipico della Milano di un tempo, PaninoLAB nasce come vero e proprio laboratorio del panino.

L’atmosfera è calda e accogliente, di stampo un po’ nordico, e l’ambiente moderno, arredato con tavoli e sgabelli in legno e ferro battuto, mentre alle pareti di lucide mattonelle bianche sono addossate ampie panche con morbidi cuscini.

Meta indiscussa per gli amanti del panino gourmet (che da qualche mese vanta una seconda apertura sui Navigli), PaninoLab propone quella che i creatori stessi del progetto definiscono una “rivisitazione del panino”.

Perché?! Perché da un’accurata ricerca e da una minuziosa selezione della materia prima nascono abbinamenti inediti, sfiziosi e di puro gusto.

Il pane, elemento di fondamentale importanza e primario nella costruzione del panino ad opera d’arte, è una baguette artigianale sfornata ogni mattina dal fornaio di fiducia, lievitata naturalmente da pasta madre, soffice all’interno e con una piacevole crosta croccante che la rende goduriosa di morso in morso.

I panini in carta sono una quindicina, disponibili sia in versione intera sia a mezza porzione, perfetti quindi per chi ama sperimentare e per gli indecisi, i quali possono così scegliere di gustare anche un paio di diverse farciture.

Gli ingredienti selezionati arrivano dalla nostra intera penisola, sono tutti lavorati artigianalmente e custodiscono quel sapore autentico e naturale proprio del buon cibo: la burrata di Andria, la bottarga di muggine di Cabras, la porchetta IGP di Ariccia e i pomodorini Pachino IGP semisecchi, per citarne alcuni.

Tra i panini sono da provare assolutamente Charlotte, imbottito con una generosa dose di pulled pork (una spalla di maiale cotta oltre 6 ore a bassa temperatura), salsa BBQ, peperoncino messicano serrano e salsa verde messicana, Muccia, farcito con ciauscolo di Muccia (un salame marchigiano a pasta morbida), e squacquerone di Romagna DOP mantecato con rucola e infine Puglia, con buzzonaglia di tonno, pomodorini di pachino semisecchi IGP, burrata di Andria e pepe nero.

Da non perdere il momento dell’aperitivo, per sorseggiare un bicchiere di vino o un ottimo cocktail accompagnato da una fettina di pane croccante a scelta dal menù, farcita con la migliore selezione di salumi e formaggi.

Da PaninoLab i sapori antichi della tradizione incontrano nuove contaminazioni e nuovi accostamenti che rendono i loro panini delle piccole creazioni artigianali e dei veri capolavori del gusto.

 

Credits: Panino Lab

PaninoLab, un vero laboratorio del gusto

precedente
31/01/2018

Panino con il Montebore

By Daniele Reponi
successivo
14/02/2018

Il Panino delle api

By Daniele Reponi