Condividere? È divertente!

06/09/2018
By Anna Prandoni
Condividere? È divertente!

 

È divertente, entusiasmante, goloso e intrigante: è esattamente il ristorante che avremmo sempre desiderato, e finalmente esiste.

È a Torino, ed è stato immaginato dalla famiglia Lavazza come luogo speciale all’interno del progetto ‘Nuvola’, i nuovi uffici del brand che hanno preso una forma davvero inconsueta, aprendosi al pubblico con il ristorante, un museo interattivo, uno shop (che non vende caffè!) e un luogo dove organizzare eventi. La location già di per sé è stupefacente: un vero e proprio set dove va in scena l’esperienza gastronomica, con Dante Ferretti a fare da ispiratore di una fabbrica del caffè colorata e super pop. 

Per la parte gastronomica, lo chef catalano Ferran Adrià (uno dei più grandi al mondo, da oltre vent’anni partner della casa torinese) all’ideazione, Federico Zanasi ai comandi di una cucina a vista che è in perenne movimento e scopre via via dei piatti incredibili, dove l’effetto-wow è garantito e dove alla piacevolezza del gusto si accompagna una riflessione ironica.

È un’esperienza da condividere questo nuovo modello di ristorazione, che regala a chi ci arriva momenti esperienziali che in Italia non hanno precedenti.

Poteva forse mancare un panino? Ebbene no! E infatti eccolo spuntare dal coloratissimo menu, che va dalle ostriche alle tigelle e offre a chi lo vuole esplorare sempre nuove sensazioni.

Per noi chef Zanasi ha scelto di preparare il tramezzino Mulassano, un super classico torinese rivisitato in chiave ironica e creativa. La ricetta originale è del caffè liberty di Piazza Castello a Torino dove questo incanto del palato è stato inventato nel 1925.

Questo è uno spoiler, voi non dovreste saperlo per essere giustamente sorpresi: se avete intezione di andarci non leggete oltre. Rischieremmo di rovinarvi la sopresa.

Per tutti gli altri il morbido ripieno di maionese e granchio, ben condito come vuole la tradizione, è rachiuso da due candidi triangoli. Pane da tramezzino? Certo che no! Qui il pane è invece una meringa: la forma e il colore sono identici ma al palato il classico tramezzino assume tutto un altro sapore. E i sensi sono stupefatti! Al termine del ciclo di delizie salate ci si alza da tavola e si cambia stanza, per andare nella parte dedicata al dolce, anch’essa stupefacente. 

Pronti per la prossima sorpresa? Basta esplorare il menu e lasciarsi trasportare in un mondo fatto di felicità e piacere!

 

Guarda il video a questo link!


precedente
30/08/2018

La Farcia: Piemonte di gusto

By Anna Prandoni
successivo
13/12/2018

Brioche come una cassata

By Redazione