A Parabiago, panificatore per caso

11/07/2018
By Anna Prandoni
A Parabiago, panificatore per caso

Può la poca voglia di studiare portarti a costruire una carriera ed arrivare ai campionati mondiali di panificazione? Ebbene sì, per Matteo Cunsolo è successo!

La sua grande passione nasce infatti dopo una scelta casuale, che l’ha portato al pane e gli ha permesso di incontrare grandi maestri, che hanno fatto crescere in lui il sacro seme della lievitazione. 

Da qui è partito per costruire la sua attività, che ora occupa tutta la famiglia e anche tante altre persone, attive con lui.

Sua l’invenzione del pane di Parabiago, la sua città: un pane creato con i prodotti locali che richiama il gallo, simbolo locale, nella decorazione creata con la farina

Ci ha mostrato anche il suo pane a fermentazione spontanea con farina tipo 2, che lievita a temperatura ambiente per 24 ore, grazie al suo lievito madre PiGi, che ha deciso di dedicare a Piergiorgio Giorilli, suo maestro e bandiera della panificazione italiana. 

Formaggio di capra e speck la sua farcitura preferita: un panino verace e concreto, semplice ma energetico, da gustare dopo il lavoro notturno.

 

Guarda la diretta qui!

A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso
A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso A Parabiago, panificatore per caso

precedente
10/07/2018

La farina? Riposa!

By Anna Prandoni